La tua famiglia
soffre problemi e conflitti relazionali?

Grazie al metodo A.I.R.E, in poco più di 2 mesi, riporterai armonia nella tua famiglia, sostenendo i tuoi figli nel loro percorso di crescita e ritrovando complicità e sintonia con il partner attuale (e/o con l’Ex).

  • Cinzia

    Ho iniziato questo percorso circa 3 mesi fa, e in questo breve tempo mi sono sentita scardinare  le porte di quegli schemi che mi davano un’ esistenza limitata e insicura. Vedere le persone intorno a me diverse, ed accorgermi,  che loro non sono cambiate…

    ma sono io la novita’..e’ stata la consapevolezza del possibile!  Sentirsi leggeri, limpidi, veri e vedere gli altri che inconsapevolmente ti seguono, ti ascoltano realmente..

    un lavoro costante su di me da continuare ancora ma del quale non potrei più fare a meno.

    Grazie.

  • Riccardo e Giovanna

    Siamo a Riccardo e Giovanna, viviamo a Milano e sei mesi fa ci siamo rivolti a Roberto perché nostro figlio di 15 anni, aveva dei problemi a scuola, e con i suoi amici. Era convinto che nessuno lo apprezzasse. Aveva persino litigato con il suo migliore amico, ed erano  mesi che non si rivolgevano la parola. Anche a scuola la situazione era peggiorata e non sapevamo come fare.

    In un paio di mesi la soluzione la situazione era già molto migliorata, nostro figlio era più sicuro e aveva riallacciato i rapporti con il suo migliore amico ma soprattutto avevamo ritrovato un nuovo rapporto tra noi e lui. Abbiamo compreso come fare ad aiutarlo, sostenerlo e questo è la cosa più bella di tutto il lavoro che abbiamo fatto noi tre insieme a Roberto.

    Per questo quando mi ha chiesto di raccontare la nostra esperienza sono stato felice di farlo, nella speranza che tutti possono comprendere che, come dice spesso Roberto, c’è sempre una soluzione a qualunque problema.

  • Giulia

    Mi chiamo Giulia, ho 25 anni e questa é la mia storia. Vivo a Parigi, quella che chiamano la città dell’amore, ma per me l’amore non è arrivato da qualcun altro, bensì da me stessa.

    Quando ho conosciuto Antoine ero già ad un buon punto di esasperazione: poco prima che la nostra breve storia di 3 mesi finisse iniziai a soffrire di attacchi di panico, nei giorni che hanno preceduto la rottura mi sono immersa in un tunnel di negatività: anche lui, anche questa volta.

    Ho trovato il coraggio di parlarne con alcuni amici e anziché sentirmi additata come una pazza ho trovato accoglienza ed amore.

    In psichiatria tutto andava bene, mi sentivo protetta, ascoltata e sebbene circondata da persone con veri disagi mentali, al sicuro. Il vero crollo é arrivato dopo.

    In quel momento ho iniziato il lavoro su me stessa ed ho incontrato Roberto. Ho immediatamente amato il suo approccio, é andato diretto al punto.

    Una volta chiarito il paradosso ho lasciato cadere tutte le mie resistenze, tutte le mie forme di scetticismo, la mia forte componente razionale e mi sono lasciata guidare verso la mia guarigione.

    Vorrei esserci per abbracciarvi tutte e dirvi che andrà tutto bene. Mi commuove, proprio ora, mentre scrivo, pensare a quanto amore state per imparare a darvi e a tutte le meravigliose cose che vi meritate.